"Il dolore è il cavallo più rapido che ci porta alla perfezione" (Tommaso da Kempis)

Terapia individuale

Disturbi di ansia

Attacchi di panico

Disturbi dell'alimentazione

Disfunzioni sessuali

Depressione

Disturbi di personalità

Terapia di coppia

Formazione della coppia

Come favorire un buon funzionamento della coppia

La gelosia nella coppia

Il tradimento nella coppia

La separazione nella coppia

La morte del partner

Genitorialità

Le fantasie genitoriali prima e dopo la nascita

Il bambino immaginario e il bambino reale

Il concepimento e la gravidanza

Maschio o femmina

Dopo la nascita

Home-page

Siete qui:

Dottoressa psicologa Anna Maria Stella

psicologo, psicoterapeuta, roma, zona trastevere, si fanno terapie anche in lingua francese

Un benvenuto a voi che siete arrivati in questo sito, forse alla ricerca di un professionista che possa offrirvi un aiuto, o per cercare una risposta ad un problema che da soli non riuscite ad affrontare e a risolvere, o un desiderio di migliorare il vostro stato di salute psicologico, strettamente connesso con il benessere fisico.

In questo sito potrete trovare informazioni e indicazioni su quelle che sono le aree con le quali, nel corso della mia professione, mi sono trovata più volte a confrontarmi sia con pazienti singoli, appartenenti a diverse fasce di età, così come con coppie alle prese con problematiche legate e alla vita di coppia, e alla genitorialità in tutte le sue forme.

Il mio riferimento teorico si situa nell’area della psicoterapia psicodinamica, quell’approccio che apre alla dialettica tra coscienza e inconscio, in particolare la Psicologia Analitica fondata da Carl Gustav Jung. Un approccio che guarda oltre la superficie delle apparenze per risalire agli aspetti sconosciuti e inconsci, dato che è proprio l’inconscio che gioca un ruolo fondamentale nella nostra vita e nelle nostre relazioni quotidiane, sia private, sia pubbliche. E’ guardando a questa area, in genere trascurata, toccando gli affetti che ci muovono, che è possibile allargare i confini della coscienza  e comprendere comportamenti altrimenti inafferrabili, cogliendo nei sintomi il richiamo ad un cambiamento necessario e che non può essere differito. In questo modo il disagio e il malessere possono costituire occasioni per una maturazione che costituisce un compito al quale la vita ci chiama e al quale non possiamo sottrarci se vogliamo che la nostra esistenza abbia un senso.